Vacanze di Natale con il diabete: qualche utile regola!

DIABETE-1

La vita dei soggetti diabetici è oggi giorno in grado di poter essere gestita con serenità e ordinarietà grazie a sistemi puntuali di monitoraggio delle proprie condizioni di salute. Tuttavia, spesso durante le festività di Natale accade che le buone regole di condotta vengono dimenticate: per tale motivo gli esperti della Società italiana di Diabetologia hanno scelto di rivolgere alcune semplici regole alle persone con diabete, finalizzate proprio a garantirsi delle serene festività, anche durante questo Natale.

Innanzitutto, commenta Enzo Bonora, che di Sid è presidente, “le persone con diabete, pur con le dovute cautele, possono svolgere una vita del tutto normale, all’interno della quale rientrano a buon diritto anche viaggi e vacanze, ma è importante cercare di rispettare l’orario dei pasti e non scombussolare troppo la giornata. Perché più che per qualsiasi altro tipo di malattia, il diabete richiede una precisa ‘educazione’ da parte di chi ne soffre, circa 4 milioni di italiani in modo conclamato e almeno un milione che non sa di averlo“.

DIABETE-2

Introdotto quanto precede, il primo consiglio è relativo alla necessità di munirsi delle opportune certificazioni: una dichiarazione in cui si attesta la condizione di persona con diabete (meglio se tradotta nella lingua del Paese di destinazione e in inglese), con cosa fare e chi contattare in caso di emergenza. Se dovete prendere l’aereo, è inoltre buona abitudine farsi autorizzare il trasporto di siringhe e di insulina da parte della compagnia aerea.

Sempre in riferimento ai farmaci, è meglio portare con sè una scorta abbondante dei medicinali che serviranno durante il viaggio (almeno doppia). In questo caso non correte rischi nell’ipotesi di ritardi e imprevisti che potrebbero prolungare il soggiorno lontani da casa. Ancora, in caso di viaggi lunghi chiedere al diabetologo come gestire l’insulina basale se si prevede un cambio di fuso orario, mentre chi indossa un microinfusore dovrebbe ricordarsi di adeguarne la regolazione la nuovo orario.

DIABETE-3

Infine, durante il viaggio tenere sempre a portata di mano snack, biscotti o caramelle in caso di crisi ipoglicemiche, e ricordarsi di muoversi, di tanto in tempo, considerato che stare seduti a lungo incrementa la glicemia. A proposito di iperglicemia, concludono dalla Sid, è bene non cadere nella facile tentazione di menu molto abbondanti e ricchi di zucchero: tra pandori, panettoni e torroni, è bene evitare di esagerare. Bonora tuttavia tranquillizza: “a bene stare attenti, senza ossessioni però. Il diabete è una malattia che dura decenni, qualche strappo alla regola si può fare in una settimana di vacanza!”.

Lascia un commento