Social network: “cura” per la solitudine dei malati

social network

Ai social network sono spesso attribuiti elementi di pessimismo e di negatività. Un recente articolo comparso sulla rivista del Mit Technology permette tuttavia di accendere la luce anche sui tanti benefici delle comunità virtuali e, in particolar modo, sul ruolo che esse possono svolgere per permettere ai malati di particolari patologie di sentirsi meno “soli”.

Il riferimento non è quindi a Facebook & co., bensì ai social network più ristretti e specifici, dedicati alle singole malattie: un esempio è ben rappresentato dal sito internet Crohnology.com, un social network ideato per i pazienti che sono affetti dal morbo di Crohn, e che ad oggi può contare più di 4 mila utenti.

Nei social network appartenenti a tali tipologie ogni persona può confrontarsi con altri utenti affetti da similari patologie, abbattendo le barriere spaziali che spesso impediscono un proficuo riscontro tra i nuclei che sono contraddistinti da malattie “rare” o non comuni. Altri esempi sono rappresentati da Patientslikeme, la più “remota” community di questo settore (nata nel 2004 ed oggi in grado di attrarre più di 200 mila utenti) o, ancora, Smartpatients (il social network per i malati di cancro).

Secondo quanto affermato in proposito da Bob Kocher, oncologo e medico consulente dello staff dell’amministrazione Obama, quando i pazienti imparano gli uni dagli altri tendono a fare meno test diagnostici, e chiedono anche migliori trattamenti (che, aggiunge il dottore, nella maggior parte dei casi risultano perfino più economici).

Per i pazienti italiani si tratta della possibilità di confrontarsi con migliaia di cittadini del mondo che sono affetti da problemi della stessa natura, e dell’eventualità di relazionare sui progressi delle varie medicine e tecniche applicate. L’unico  difetto di tali social network è legato prevalentemente alla presenza maggioritaria di utenza anglofona: chi non parla inglese potrebbe pertanto avere qualche difficoltà nel sfruttare i tanti valori aggiunti di tali community.

Lascia un commento