Naso chiuso: quali le cause e quali i rimedi

naso chiuso
Naso chiuso

La cause di un naso chiuso possono essere molteplici, analizziamole per categorie: le infezioni, le anomalie congenite e/o da trauma e le allergie:

Naso Chiuso: le Infezioni

Le infezioni delle vie respiratorie e la conseguente condizione di naso chiuso sono decisamente più’ frequenti nella tenera età che negli adulti, a causa di una minore difesa immunitaria dei bambini.

I virus del raffreddore, si trasmettono per lo più per via aereama non sono da escludere trasmissioni per contatto oggetti – mani – naso.

Ci troviamo a fare i conti con la sgradevole condizione di naso chiuso più o meno due – tre volte l’anno, oggetto delle attenzioni di virus che rilasciano nel nostro organismo l’istamina, una sostanza che, aumentando il flusso sanguigno al naso, fa infiammare i tessuti e le membrane nasali che a loro volta rilasciano muco in eccesso che tende ad ostruire le vie nasali.

L’alterazione del colore del  muco nasale, da trasparente a giallognolo o verdastro è l’allarme che probabilmente è in corso una infezione batterica. Un consulto medico prima di assumere farmaci è sempre una buona prassi. SI evita  così di prendere sotto gamba avvisaglie di infezioni delle vie respiratorie che dal naso possono allargarsi alle vie respiratorie inferiori, trasformandosi in tosse cronica, asma o bronchite.

Anche la sinusite, sia cronica che acuta,  può’ essere causa di naso chiuso.

Naso Chiuso: le anomalie congenite o da trauma

naso chiuso

In alcuni casi, a determinare la condizione di naso chiuso possono intervenire delle anomalie anatomiche congenite dalla nascita e che vanno corrette con la chiururgia.

Vi sono poi delle condizioni di naso chiuso determinate da cause esterne non virali: i traumi.  Si consideri che solo nella fase del parto, una percentuale significativa, che si aggira tra il 7 e 8% dei neonati, subisce un trauma nasale. Nel corso della vita non sono pochi poi gli incidenti che investono in particolare modo il naso. Se dopo aver subito un trauma le vie respiratorie sono ostruite, anche in questo caso la scelta chirurgica potrebbe risultare una scelta obbligata.

Naso Chiuso: le allergie

naso chiuso

Le allergie solitamente sono delle forme di infiammazione anomale in risposta al contatto con alcune sostanze quali polvere, pelo di animale,  polline, muffa… e via dicendo.

Alcune sono stagionali, come l’allergia al polline, alcune altre potrebbero presentarsi in modo costante nel corso dell’intero anno a contatto ripetuto con la sostanza allergizzante.

Il  soggetto allergico subisce il rilascio dell’istamina che, producendo una quantità eccessiva di muco nasale di tipo acquoso, tende ad ostruire le vie nasali. Per risolvere o quanto meno ridurre il fastidio degli starnuti continui ed il naso che cola, si ricorre a farmaci antistaminici,  alcuni dei quali vendibili anche senza ricetta. Ma, un concetto che ribadiamo e ribadiremo sino alla nausea, quando si parla di farmaci è sempre opportuno sentire il parere medico.

Naso Chiuso: cure e terapie

naso chiuso

In caso di naso chiuso è possibile alleviare i sintomi utilizzando degli antistaminici o dei decongestionanti, però non esistono farmaci per curarli. Non rimane che attendere il decorso dell’infezione.

Idem dicasi  per le gestanti. Prima di assumere un qualsiasi farmaco è necessario consultarsi col proprio medico e/o col proprio ginecologo.

Spesso a risolvere o ad alleviare i sintomi del raffreddore, intervengono i cosi detti “rimedi della nonna”, vale a dire quei rimedi naturali o appartenenti alla categoria delle medicine alternative. Tra questi vi ricordiamo:

Suffumigi al bicarbonato di sodio o all’eucalipto: rimane forse il rimedio naturale più conosciuto e più praticato in presenza di naso chiuso.

Dopo aver fatto bollire uno-due litri d’acqua, aggiungere bicarbonato di sodio, un cucchiaio raso per litro ed all’occorrenza qualche goccia di essenza di eucalipto, reperibile in erboristeria. Coprite la testa con un asciugamano e respirare il vapore sprigionato dall’acqua. Preferibile effettuare i suffumigi di sera per aiutarsi ad un sonno più tranquillo con il naso un po’ più libero.

Da non dimenticare che, in caso di emergenza e mancando in casa sia l’essenza di eucalipto che il bicarbonato di sodio, si può’ risolvere il tutto con del sale grosso da cucina. Stessa quantità del bicarbonato per litro d’acqua.

Cibi, bevande calde e Vitamina C: Brodo vegetale caldo, alcuni altri protendono per un brodo di pollo caldo… ma anche tisane allo zenzero, tisane all’echinacea e via dicendo, assecondando anche il gusto personale, servono ad attenuare la congestione.

Nelle pietanze calde rimane poi l’opzione di utilizzare anche spezie piccanti, ritenute uno stimolo per il naso che tende in questo modo a liberarsi del muco espellendolo più velocemente.

Da non dimenticare poi la Vitamina C, in caso di raffreddore, prediligendo le spremute di agrumi.

Note e curiosità: passare del tempo in un ambiente di aria secca, non aiuta a decongestionare il naso. Umidificare nella giusta misura un ambiente è sempre un atteggiamento sano, reso ancora più’ necessario in caso di naso chiuso. In assenza di umidificatori, riscaldamento etc., a cui solitamente si appende un contenitore di terracotta con acqua per una giusta evaporazione nell’ambiente, è sempre possibile ricorrere ad un pentolino sul fornello. L’acqua man mano che andrà in ebollizione tenderà ad evaporare. Eventuale aggiunta di essenza di eucalipto o semplici bucce d’arancia, oltre a profumare naturalmente l’aria, aiutano il naso nelle sue funzioni e nella ripresa della sua condizione di normalità.

Da evitare in caso di congestione nasale: Latte, latticini, cioccolato ed alcolici.

Lascia un commento