Influenza, si avvicina il picco di contagi

influenza-1

Da qualche giorno l’Italia è attraversata da un’ondata di gelo che sta rendendo sempre più difficoltoso il tentativo di fronteggiare i virus di stagione. E così, secondo quanto precisano gli esperti, con il gelo arriva anche un incremento dei casi di influenza, peraltro in parte già riscontrato dalle segnalazioni degli ultimi giorni.

Insomma, nella prima parte di gennaio sembra proprio che possa verificarsi il temuto (ma prevedibile, come ogni anno) picco di contagi, che in questo periodo di feste dovrebbe riguardare oltre 100 mila italiani, costretti a trascorrere il periodo a cavallo tra la fine dell’anno e l’inizio di quello nuovo, a letto. Un Capodanno non particolarmente esaltante, che tuttavia potrà lasciare spazio a un 2015 sicuramente migliore, almeno sotto il punto di vista della salute.

Leggi anche: Influenza, ecco chi ci contagia

influenza-2

La notizia più positiva è tuttavia relativa all’aggressività del virus, che quest’anno – rispetto agli scorsi inverni – dovrebbe essere più mite. Il virus proveniente dagli Stati Uniti si confermerà pertanto più tenue degli scorsi anni, inducendo a un’influenza più debole (ma mai da sottovalutare) e in grado di colpire – presumibilmente – un minor numero di possibili pazienti.

Secondo le valutazioni degli esperti, la spiegazione del picco di stagione influenzale coincidente con l’inverno è facilmente spiegabile: con il freddo, infatti, l‘apparato cardiocircolatorio viene indotto a lavorare con maggiore energia, e l’organismo risente particolarmente dei bruschi cali delle temperature.

young female having a cold

Sempre secondo gli esperti, i più a rischio dalla nuova stagione influenzale saranno gli anziani e i bambini: ai genitori i consueti consigli di evitare di esporre i piccoli ai repentini cambi di temperatura, principale causa dell’insorgenza dell’influenza. Un consiglio particolarmente sentito riguarda inoltre l’alimentazione: durante questo periodo dovrebbero trovare maggiore concentrazione gli alimenti ricchi di vitamina C come le arance e i mandarini, mentre sarebbe opportuno cercare di non esagerare con gli alimenti grassi.

Leggi anche: 10 cibi che allontanano l’influenza

È inoltre particolarmente consigliabile cercare di mantenere una buona idratazione: quando si utilizzano i sistemi di riscaldamento, come avviene durante la stagione invernale – si consumano infatti più liquidi, e le mucose secche potrebbero condurre a maggiori infezioni e all’azione dei virus.

Per il resto, è bene ricordare che generalmente i sintomi influenzali si manifesteranno gradualmente, e tenderanno a sparire dopo qualche giorno di riposo. Sarebbe pertanto opportuno far “sfogare” il virus nel suo ordinario decorso, assumendo farmaci solamente dietro consiglio e suggerimento medico, e solamente ove necessario. Passata l’influenza, la primavera sembrerà molto, molto più vicina!

Lascia un commento