Il 40% dei bambini non sa nuotare

nuoto

Secondo le statistiche fornite dalla Società italiana Medici pediatri (Simpe) durante il recente Campus pediatrico 2014, ogni anno quasi 100 bambini muoiono annegati e, in buona parte, si tratta di vittime evitabili nel caso di una migliore educazione al nuovo e alle attività natatorie.

Secondo la Simpe, infatti, il 43% degli under 14 non imparerebbe a nuotare sufficientemente bene, e perfino in piscina potrebbe trovare delle difficoltà evidenti. Proprio per cercare di riparare a tale diffuso problema, la Simpe ha annunciato di aver predisposto un percorso di formazione per i pediatri che faranno proprie le tecniche di salvataggio, al fine di trasmetterle nelle proprie regioni.

In maniera ancora più specifica, nel corso del mese di luglio si terrà la Settimana nazionale dell’acquaticità, in collaborazione con il Ministero della Salute. Le iniziative coinvolgeranno tutte le regioni italiane, sensibilizzando così i cittadini sulla sicurezza nelle acque: tra le tante attività, spiccheranno corsi giornalieri anche in spiaggia, tecniche di salvataggio per genitori e familiari, corsi al mattino e al pomeriggio.

È inaccettabile che in un Paese come il nostro, con 7.500 chilometri di coste disseminate fra la penisola e le molte isole, solo poco più della metà dei bimbi sappia nuotare abbastanza bene da potersela cavare in un’eventuale situazione di pericolo” – dichiara Giuseppe Mele, presidente della Simpe.

Voi sapete nuotare? Cosa ne pensate delle affermazioni e delle iniziative della Simpe?

Lascia un commento