Gomito del tennista: cause e rimedi

Il gomito del tennista, o epicondilite, è una condizione che provoca nell’avambraccio forti dolori e infiammazione della zona, causati dall’eccessivo uso dei muscoli.

Cos’è il gomito del tennista?

Questa patologia dolorosa viene associata al tennis, proprio perché gli sport che prevedono l’uso di una racchetta, aumentano le probabilità di utilizzare troppo il gomito provocando dolori alla giuntura.  Anche altri lavori o sport in cui il gomito è particolarmente sollecitato possono essere fattori scatenanti per l’epicondilite.  Ciò che s’infiamma sono i tendini che collegano i muscoli dell’avambraccio alla parte esterna del gomito.  Ripetendo sempre gli stessi movimenti, tendini e muscoli vengono ipersollecitati causando dolore e gonfiore locale. È una condizione che prevede diversi rimedi chiamati “a squadra” ovvero l’approccio su più fronti.

Prima di entrare nel dettaglio e analizzare le possibili cause del gomito del tennista, facciamo un piccolo ripasso di anatomia.

Il braccio è composto da tre ossa: omero, l’osso del braccio, radio ed urna dell’avambraccio. Nella parte inferiore dell’omero ci sono due sporgenze chiamate epicondilo ed epitrocela. La parte che viene chiamata in causa quando parliamo del gomito del tennista è l’epicondilo, ovvero la protuberanza ossea esterna del gomito.  Il tutto è tenuto insieme da muscoli e tendini. L’epicondilite interessa i muscoli e i tendini che partono dalla protuberanza ossea, i quali contraendosi permettono l’estensione di polso e dita. Il tendine maggiormente coinvolto nella patologia del gomito del tennista è chiamato Estensore Radiale Breve del Carpo (ERBC).

Cause del gomito del tennista

Studi medici effettuati hanno dimostrato che una delle cause del gomito del tennista sono le microfratture che si creano nell’ERBC quando giocando a tennis si fa un rovescio o un diritto.  Queste lesioni provocano gonfiore e infiammazione della zona.  Il tendine può anche peggiorare in alcune circostanze, quando ad esempio si flette o si estende il gomito, e il muscolo sfrega contro la sporgenza ossea.  I movimenti nel tempo possono causare una progressiva usura del muscolo.

gomito del tennista causeNon solo gli atleti possono soffrire del gomito del tennista, ma anche tutte quelle persone che per lavoro o per hobby utilizzano ripetutamente e in modo vigoroso i muscoli dell’avambraccio. Ne sono un esempio i pittori, gli idraulici e i falegnami.  Secondo alcuni studi, anche meccanici, cuochi e macellai possono soffrire di epicondilite.

Solitamente i soggetti affetti da questa situazione hanno un’età compresa tra i 30 e i 50 anni, anche se il gomito del tennista può colpire a qualsiasi età. 

Negli sport che prevedono l’uso della racchetta, usare attrezzature non adeguate può essere un fattore di rischio.

I sintomi del gomito del tennista

gomito del tennista sintomi

Si sintomi del gomito del tennista appaiono gradualmente, dapprima il dolore si presenta lieve, dopo settimane o anche mesi la situazione peggiora.  I sintomi classici sono:

  • Bruciore e dolore sulla parte esterna del gomito
  • Mancata forza nella presa
  • Difficoltà nello stendere il polso

Questi peggiorano quando si usano i muscoli dell’avambraccio.  Entrambi i gomiti possono essere colpiti, ma c’è una possibilità maggiore che l’epicondilite colpisca il braccio dominante.

Diagnosticare il gomito del tennista

Il medico come prima cosa farà alcune domande come che lavoro svolgi, che sport pratichi e quando sono cominciati i dolori. Inoltre dovrai indicare la zona del braccio in cui provi dolore e quali sono i movimenti che causano maggior fastidio. È importante informare il medico di eventuali traumi al gomito o episodi di artrite reumatoide o malattie neurologiche in famiglia.

Dopo una prima “chiacchierata”, il medico eseguirà dei test come quello di raddirizzare il polso e le dita contro resistenza con il braccio steso per vedere se si presenta il dolore. Se il test è positivo, si eseguiranno delle procedure per escludere eventuali patologie. Solitamente si effettuano i raggi X per escludere l’artrosi del gomito. Se invece il medico pensa che il problema possa essere causato dalla cervicale, allora si passa alla risonanza magnetica. In fine per escludere una possibile compressione del nervo si può eseguire l’elettromiografia.

Rimedi per il gomito del tennista

Circa l’80%-90% dei pazienti guarisce dall’epicondilite senza subire l’intervento chirurgico. Il riposo è sicuramente la scelta più adatta per guarire da questo problema. Ciò vuol dire non praticare sport o l’attività che ha causato il problema per un paio di settimane. I farmaci antinfiammatori non steroidei dietro prescrizione medica aiutano a dare sollievo dal dolore e dal gonfiore.  Ne sono un esempio il Nimesulide, Ibuprofene, Ketoprofene o analoghi.

Per gli sport in cui si pratica l’uso di una racchetta, il medico può consigliarti di usare racchette più rigide, corde non troppo tese o adoperare dei dispositivi tra le corde per ammortizzare i colpi. 

La terapia riabilitativa aiuta a rinforzare i muscoli dell’avanbraccio. Questi esercizi si effettuano tramite prescrizione del fisioterapista cui abbinare ultrasuoni, massaggi con ghiaccio ed elettrostimolatori.

ghiaccio portatile gomito del tennistaIl ghiaccio è un ottimo alleato per ridurre i sintomi.  Questo va utilizzato nella fase acuta del problema, ovvero nell’immediatezza di quando compaiono i sintomi.  Applicando il ghiaccio per 15 minuti sulla zona interessata si trova subito sollievo. In commercio ci sono diverse fasce raffreddati, come l’Orange Physio Master, che permettono di avere il ghiaccio sempre a portata di mano.  Questa fascia, dopo essere stata messa nel congelatore e tutore gomito del tennistaapplicata sul gomito, riduce i sintomi e aiuta a prevenire il peggioramento dell’infiammazione.

Per alleviare i sintomi, anche i tutori sono molto utili. Il supporto per gomito/avambraccio di TourPro Sports è stato creato per questo scopo. La chiusura Epi Clasp aiuta a prevenire l’insorgenza tutore gomito del tennista-golfdel gomito del tennista ma anche ad alleviare l’infiammazione a tendini e muscoli.  È una fascia unisex anti sudore e anti sfregamento pensata per chi gioca a tennis o a golf. La chiusura è regolabile quindi adatta a qualsiasi grandezza di braccio.

Il tutore per avambraccio della Bezzee aiuta a diminuire l’affaticamento dei muscoli e dei tendini infiammati. Questa fascia serve per diminuire il dolore sia durante che dopo l’allenamento.

Lascia un commento