Gastrite nervosa | Cause e rimedi per una vita senza stress

La gastrite è una infiammazione della mucosa delle pareti dello stomaco che può essere cronica o acuta. È tipicamente accompagnata da una sensazione di fastidio o dolore alla bocca dello stomaco, in cui si possono sentire anche dei forti fitte nell’alto addome.

Se passeggera non bisogna preoccuparsi, mentre se persiste e si presenta con regolarità, è bene rivolgersi a un medico per eventuali cure.
I sintomi della gastrite possono essere accompagnati da gonfiore addominale e da reflussi gastrici, nausea e vomito.
Quando questa gastrite si presenta, le motivazioni possono essere varie, tra cui l’abuso di farmaci, assunzione di alcool, alimentazione scorretta o presenza di intolleranze, reflusso biliale, stress o infezione da Helicobacter Pylori.

Se la gastrite si presenta in concomitanza con eventi spiacevoli o situazioni di forte stress, si può parlare di gastrite nervosa. Andiamo a individuarne sintomi e cause in modo più approfondito.

La gastrite nervosa

La gastrite nervosa si presenta in maniera cronica nelle persone che hanno un alto livello di stress accumulato. Se si vivono situazioni spiacevoli, se c’è un malcontento generale nella propria vita, è probabile soffrire di questa patologia.
Soprattutto quando oramai è a uno stadio avanzato per cui anche solo il pensiero o l’ingerimento di cibo ci crea dei disturbi.

Se ignorata può portare a danni dello stomaco più o meno gravi ma anche a danni collaterali.
Si pensi ad esempio che se si sta vivendo una situazione di forte stress e tensione, le ricadute non sono soltanto nel nostro organismo e nello specifico nel nostro stomaco, ma si ripercuotono nella nostra famiglia, tra i nostri amici e nella nostra vita quotidiana.

In che modo ti starai chiedendo

La gastrite nervosa è ormai una patologia cronica che ci portiamo dietro tutto il giorno, ci affligge con fitte all’addome e sensazioni di bruciore costante. Bere un bicchiere di vino oramai è impossibile e tocca così rinunciare a divertirsi con i proprio amici. I cibi introdotti irritano ancora di più lo stomaco quindi si rinuncia spesso a mangiare a tavola con la nostra famiglia e i nostri cari.
La mattina ci si sveglia e si sente subito dolore allo stomaco con reflussi gastrici che provocano alito pesante e bruciore in gola.

Non è per niente sano vivere così!

Siamo oramai abituati a convivere con la gastrite nervosa per via dei nostri ritmi di lavoro, degli impegni quotidiani e dei tanti pensieri che assillano la nostra testa.
Prima che sia troppo tardi, è bene ricorrere ai ripari consultando un medico gastroenterologo, sottoponendosi a cure e assumendo medicinali naturali o integratori che ci permettano di ridurre i sintomi della gastrite.

Cause della gastrite nervosa

gastrite nervosa - stress

Alla base di questo “male” ci sono ovviamente le nostre emozioni. Come noi rispondiamo agli avvenimenti esterni, ci fa reagire anche internamente.

Ecco così che se le cose non vanno per il verso giusto ci chiudiamo in noi stessi, ci arrabbiamo e viviamo con una ansia costante. Tutte queste motivazioni più che altro di natura psicologica, possono portare alla gastrite nervosa cronica.

Anche nella nostra cultura si utilizza il termine “non riuscire a mandare giù il boccone” oppure “quella cosa mi è rimasta sullo stomaco”. Con queste frasi quello che vogliamo intendere succede veramente all’interno del nostro corpo, nei nostri organi.

Quando qualcosa non ci piace o non è andata secondo i nostri piani, ci resta “sullo stomaco”, provocandoci ansia, timori, pensieri e rabbia che, somatizzati, sfociano in sintomi fisici come il bruciore di stomaco, gastrite, acidità di stomaco e reflussi.

Come curare la gastrite nervosa

Per prima cosa bisogna prendere coscienza dell’esistenza del problema e cercare subito una soluzione a questo malessere, sia fisico sia mentale.

Abbiamo detto che la gastrite nervosa si presenta maggiormente in situazioni di forte stress e tensione.

Per prima cosa dunque è bene rilassarsi e cercare di capire quali sono le fonti di stress nella propria vita.

Si può passare dunque a cercare di affrontare un problema alla volta e provare a interiorizzare meno ciò che ci succede durante le nostre giornate.

Non tutto va “preso di stomaco”.

gastrite nervosa - meditazione

Se è proprio inevitabile provate a seguire questi altri consigli che possono contribuire alla persistenza della gastrite nervosa:

  • Modificate e migliorate la vostra alimentazione: provate a capire quali alimenti sono causa del vostro bruciore. Se la mattina assumete liquidi come il caffè e alimenti pesanti, provate ad eliminarli temporaneamente per vedere se la condizione fastidiosa passa o persiste.

  • Riducete lo stress: ritagliatevi dei momenti lontano dalla frenesia della vostra vita quotidiana e concentratevi su di voi. Potete aiutarti con della meditazione o con degli esercizi di mindfulness. Qualunque cosa vi aiuti a distrarvi può aiutare, sia leggere un buon libro o cucinare per la vostra famiglia.

  • Andate a correre: oltre a fare attività fisica, smaltite lo stress accumulato durante la giornata e vi sentirete ricaricati. È consigliabile correre ogni giorno almeno per 30 minuti. Vedete voi se riuscite la mattina prima di affrontare la giornata oppure la sera per eliminare tossine e tensione.

  • Eliminate alcool e bevande superalcoliche: si sa che bere un bicchiere di vino a tavola è salutare, ma quando si presentano con persistenza i sintomi della gastrite nervosa è bene interromperne l’assunzione fino al completo sparire del bruciore.

  • Mangiate verdure lesse: durante il periodo infiammatorio è bene assumere quantità di verdure lesse, soprattutto carote.

  • Evitate di saltare i pasti.

  • Non ingerite grossi dosi di medicinali: a lungo andare indeboliscono le pareti del vostro stomaco permettendo così il deterioramento della mucosa gastrica.

Prodotti naturali per la gestione dello stress

  • Genziana, l’erba di San Giovanni, cura dei disturbi psicosomatici, degli stati depressivi, di ansia e di agitazione nervosa.

  • Estratto di ginseng nordamericano standardizzato in ginsenosidi, stimola le facoltà cognitive e permette di ritrovare la vivacità della mente.

  • La Griffonia simplicifolia è una pianta africana i cui semi sono naturalmente ricchi di L-5-HTP (idrossitriptofano), precursore diretto della serotonina, uno dei principali neurotrasmettitori del cervello. La serotonina interviene nella regolazione del sonno e nella gestione dello stress. Stimolandone la produzione è quindi possibile ridurre gli stati depressivi o ansiosi e ritrovare un sonno di qualità.

  • Magnesio marino, Il magnesio è essenziale per molte funzioni dell’organismo. Presente in tutte le cellule dell’organismo (complessivamente, il corpo di un adulto possiede circa 25 g di questo minerale), partecipa a oltre 300 reazioni enzimatiche. È indispensabile, in particolare, all’equilibrio nervoso e muscolare.

  • Omega 3, Delle prove cliniche hanno dimostrato il contributo ineguagliabile di un supplemento alimentare di omega-3 per il trattamento della depressione o di alcuni disturbi mentali.

  • Rhodiola Rosea combatte la stanchezza fisica e mentale, potenzia l’attività cerebrale e restituisce energia e vitalità.

Lascia un commento