Febbre nei bambini: quando è normale e quando bisogna preoccuparsi

febbre nei bambini

La febbre nei bambini è fenomeno abbastanza diffuso e frequente. Fortunatamente, nella maggior parte dei casi si tratta di stati temporanei e non preoccupanti, curabili anche senza ricorrere a farmaci antipiretici. In altri casi è invece necessario intervenire in maniera più radicale, evitando che le infezioni virali e batteriche possano provocare dei danni permanenti o, altrimenti, evitando di confondere lo stato febbrile come “segnale” di altre patologie.

Ma in che modo riconoscere la febbre “lieve” da quella che deve costituire fonte di preoccupazioni?

Andiamo con ordine e cerchiamo di individuare i vari casi, ferma restando la necessità di ricorrere sempre e comunque al proprio pediatra per una diagnosi efficace. Un primo elemento da tenere in considerazione è che fino ai sei mesi il termometro è estremamente importante: se la temperatura corporea supera i 38 gradi nei primi tre mesi e i 39 nei successivi tre, è bene ricorrere al pediatra.

Superato il primo semestre di vita, il controllo del termometro può essere anche meno ricorrente: una temperatura elevata non basta infatti a distinguere le situazioni ordinarie e da quelle straordinarie. Bisogna in questo caso concentrarsi su altri elementi, come le alterazioni dello stato di coscienza, il colorito della pelle, eventuali problemi di respirazione e così via.

In particolare, raccomandano i medici, un controllo dal proprio pediatra è fondamentale se lo stato febbrile è accompagnato a sofferenze e irritabilità nel bambino, in difficoltà nel mangiare o nel dormire. Altro elemento da monitorare è la frequenza cardiaca: se è superiore ai 160 battiti al minuto nei bambini di età inferiore a un anno, 150 battiti al minuto tra uno o due anni, 140 battiti oltre i due anni, è bene ricorrere all’intervento del proprio medico.

Ricordiamo, in ogni caso, come sia fondamentale aggiornare e monitorare lo stato di salute del neonato e dei bambini, ricorrendo a interventi personalizzati e a cure frutto di analisi accurate.

Lascia un commento