Quale è l’efficacia dei farmaci generici?

pillole dimagrire

Quando si procede all’acquisto dei farmaci generici, alcuni utenti delle farmacie domandano se gli stessi medicinali siano efficaci come quelli non equivalenti, o meno. Cerchiamo quindi di chiarire questo aspetto, puntando a comprendere in che modo valutare l’effettiva efficacia degli stessi, e premettendo che, nella maggior parte la risposta è piuttosto tranquillizzante.

pillole dimagrire

Secondo quanto afferma un recente sondaggio compiuto da Doxa, che si è occupata proprio di valutare il rapporto degli Italiani con i farmaci equivalenti, sarebbe emerso che nella stragrande maggioranza delle ipotesi essi vengono percepiti come effettivamente validi al pari di quelli di marca. Tuttavia, questa valutazione di merito dei farmaci equivalenti rende giustizia recente, visto e considerato che fino a non troppo tempo fa gli italiani non erano convinti della loro validità. Ebbene, la crisi ha fornito una gradevole mano d’aiuto: complice la necessità di curarsi ad un prezzo più basso rispetto a quello garantito dai farmaci di marca, la fruizione di tali medicinali è cresciuta a ritmi esponenziali, e con essa è cresciuta anche la possibilità di apprezzarne le principali caratteristiche qualitative.

Leggi anche: Farmaci in gravidanza, l’Aifa lancia due campagne di informazione

farmaci gravidanza

Interrogati generalmente sulla sanità italiana dall’istituto che ha compiuto il sondaggio, i cittadini hanno così sottolineato il bisogno di eliminare lo spreco di risorse utili all’interno del sistema sanitario, cercando altresì di favorire una maggiore prevenzione delle principali malattie. Non è certamente una novità che in Italia il SSN stia faticosamente cercando di conseguire una efficiente riorganizzazione.

pillole dimagrire

Tornando all’indagine Doxa, gli italiani hanno dichiarato che tali medicinali dovrebbero essere maggiormente pubblicizzati, considerato che risulta evidente che, attualmente, di farmaci di questo genere si parla ancora poco, con la conseguenza di limitare – e certamente non di poco – le possibilità di cura delle persone che non si possono permettere di pagare determinati tipi di ricetta.

Leggi anche: Farmaci ritirati dal commercio

La nota positiva sembra essere attribuibile al fatto che il mercato dei farmaci appartenenti a questa tipologia è in continua espansione, e che presto anche altre tipologie saranno coperte dagli equivalenti. Il tutto produrrà principalmente un maggiore impegno da parte delle case farmaceutiche e, in ultima analisi, la possibilità di poter fruire di condizioni di reperimento di risorse medicinali a buon mercato, per un complessivo miglioramento della salute della società.

Lascia un commento