Facebook sa quando ti innamori e quando stai per lasciarti!

facebook

Forse non sapevi che Facebook, attraverso le sue analisi sui comportamenti dei propri iscritti, riesce a sapere tutto – ma proprio tutto – di quello che vi interessa maggiormente, compresa la durata e l’intensità delle storie d’amore.

Il social network di Mark Zuckerberg ha recentemente condotto una interessante analisi sulla durata delle relazioni d’amore dei propri iscritti. Ebbene, stando a quanto afferma Bogdan State, responsabile del team Data Science di Facebook, “il 50% di tutte le relazioni nate su Facebook che si protraggono da almeno 3 mesi hanno buone probabilità di durare 4 anni o più”.

Sempre secondo le osservazioni compiute, la stagione ideale per innamorarsi sarebbe l’inverno, con febbraio a costituire il mese di punta per quanto attiene la nascita di nuove relazioni. Di contro, le rotture avverrebbero prevalentemente tra la primavera e l’estate, maggio e giugno.

L’indagine ricorda in proposito che “nei mesi invernali la paura della solitudine e le malinconie tendono a prendere il sopravvento, spingendo la maggior parte degli utenti a cercare una nuova relazione, adescando un potenziale partner attraverso Facebook, allettati dalle incredibili opportunità sentimentali, e non, che questo formidabile strumento comunicativo è in grado di offrire, senza costringer loro ad uscire di casa. Tra l’altro” – prosegue ancora l’osservazione – “San Valentino finisce con il giocare un ruolo di primaria importanza sulla psiche dei single di Facebook, “spingendo quest’ultimi a cercare un partner prima di tale data”.

Infine, conclude la ricerca, l’anno nel quale si è registrato di gran lunga il maggior numero di rotture sarebbe stato il 2011. Probabilmente, affermano i ricercatori Facebook, a causa della grave crisi finanziaria che si è manifestata con maggiore evidenza in quel periodo, spingendo verso un clima di maggiore depressione e isolamento milioni di persone in tutto il mondo, fino a indurle a rompere la loro relazione.

Lascia un commento