Dimagrire mangiando: sogno o… realtà?

dimagrire mangiando

Dimagrire mangiando è il sogno di tutte quelle persone che hanno dei problemi di peso più o meno evidenti, e desiderano risolverli attraverso l’alimentazione, ricordandosi comunque è proprio una cattiva alimentazione – unita a una sedentarietà eccessiva – la principale causa dell’accumulo di peso. Ma è davvero possibile perdere peso mangiando?

La risposta è sostanzialmente positiva, fatti naturalmente i più specifici avvertimenti. Si può infatti dimagrire mangiando, a patto di mangiare solamente cibi sani, in maniera equilibrata, e seguire uno stile di vita che possa unire alla corretta alimentazione un’attività fisica frequente e ponderata. Il primo passo per dimagrire mangiando è quindi quello di eliminare tutto il cibo “spazzatura”, quello troppo grasso o troppo fritto, e sostituirlo a frutta, verdura e cibo “sano”. Insomma, dimagrire mangiando è possibile, a patto di mangiare meglio.

In merito, ecco cinque consigli che vi permetteranno di dimagrire mangiando!

Frutta e verdura, sempre e comunque

dimagrire mangiando

Cercate di abituare il vostro organismo, anche gradualmente, ad arrivare ad assumere giornalmente almeno 5-6 porzioni di frutta. Per poter potenziare al massimo i benefici derivanti dall’assunzione di frutta e verdura, cercate inoltre di cominciare il pasto proprio da un bel piatto abbondante di insalata: in questo modo potrete cominciare a riempire lo stomaco con la verdura, avviando il processo di digestione con questo benefico elemento, e raggiungendo quindi il prima possibile lo stato di sazietà.

Leggi anche: Pressione alta, lo zucchero fa più male del sale

La lattuga non deve essere necessariamente mangiata cruda e senza condimento. Potete per esempio aggiungerci del pomodoro e delle carote, condendo il tutto con un cucchiaino di olio e un pizzico di sale. Sul web esistono inoltre numerose ricette di insalate veloci: un rapido giro sui principali portali di cucina, o lo sguardo a una trasmissione di settore, potrà certamente garantirvi le migliori conoscenze sul settore, preparando un menu ricco di elementi benefici e particolarmente salutare. Anticipando l’assunzione dell’insalata al resto delle pietanze, vi permetterà inoltre di evitare di abbuffarvi di cibo, diminuendo quindi la quantità di cibo ingerita.

Non provare “fame”

dimagrire mangiando

Il secondo “trucco” per dimagrire mangiando, è quello di… non avere fame. Evitate pertanto di arrivare a sentire i morsi dell’appetito attraverso un’oculata programmazione degli spuntini. Fate dei piccoli break frequenti a base di frutta e verdura: mangiare una banana o una mela a metà mattina vi garantirà la giusta forza per arrivare all’ora di pranzo senza appesantirvi. Di pomeriggio, potete mangiare un’arancia, un centrifugato, un frullato, carote, finocchi crudi o altra verdura: riuscirete in tal modo ad allontanare i morsi della fame arrivando in salute all’orario della cena.

Se i morsi della fame sono particolarmente insistenti, potete tamponarli con delle fette biscottate o con dei crackers non salati. Trovate il giusto equilibrio, e fate in modo che questa abitudine diventi consolidata, al fine di evitare di ricadere nella tentazione delle abbuffate.

Fibre

dimagrire mangiando

Terzo consiglio: via libera alle fibre. Si tratta di un elemento molto importante per il vostro benessere e per l’equilibrio del peso: mettete quindi nel carrello della spesa riso, cereali e pasta integrale, e fate in modo che possano essere parte integrante nel vostro menu quotidiano. Le fibre, se assunte correttamente, vi faranno sentire sazi e soddisfatti in poco tempo, e potranno inoltre contribuire con particolare incisività e significatività alla digestione e all’attività intestinale.

Leggi anche: Dieta del supermetabolismo, come perdere 10 kg in un mese

Equilibrio e ordine

dimagrire mangiando

Altro consiglio particolarmente importante, da ricollegarsi all’abitudine di effettuare degli spuntini frequenti, è relativo alla necessità di non saltare mai i pasti: un’abitudine che è particolarmente grave, e che potrebbe essere molto nociva quando ci si mette a dieta. Il nostro metabolismo funziona infatti come una sorta di spugna e, pertanto, se si digiuna a pranzo si proverà maggiore fame a cena. Ne consegue che è meglio mangiare spesso e poco, piuttosto che raramente e male (o tanto). Evitate gli eccessi, mangiate in maniera sana ed equilibrata e, quindi, evitate il disordine alimentare concentrando i pasti in una sola parte della giornata.

Attività fisica

dimagrire mangiando

Ultimo consiglio fondamentale è quello di effettuare della costante attività fisica che possa porvi al riparo da delle cattive abitudini gestionali sul fronte dell’organismo. Meglio quindi puntare su un’attività costante, che possa contribuire a bruciare maggiori calorie: in questo modo non sarà neppure necessario ridurre la quantità di cibo ingerita, considerando che quella in eccesso verrà regolarmente smaltita dall’attività fisica. In questo caso bisognerà comunque concentrarsi sulla qualità del cibo, evitando di ingerire cibi spazzatura troppo grassi, e preferendo invece quelli sani.

A proposito della qualità, è necessario comprendere che con tale affermazione ci riferiamo principalmente agli alimenti poco calorici e molto nutrienti: quindi, mettete al bando dolci, fritti, primi piatti che abbiano condimenti troppo elaborati, da sostituire con le già ricordate frutta, verdura, primi piatti semplici e secondi magri.

Per le ragioni di cui sopra, una dieta ideale per chi vuole dimagrire è proprio quella di casa nostra: la dieta mediterranea.

Leggi anche: Dieta ipocalorica da 1200 calorie

La dieta mediterranea rappresenta il giusto mix tra carboidrati, frutta, verdura, pesce, carne bianca: alimenti fondamentali per il nostro benessere, ricchi di nutrienti e poveri di grassi. Il tutto, all’interno di uno schema piramidale che mette alla base gli alimenti da consumare quotidianamente, e in cima gli alimenti da consumare una o poche volte al mese.

dieta

Nella base troviamo pertanto pasta, riso, pane, patate, cereali, frutta, verdure, legumi, olio d’oliva, latte, latticini: elementi che, nelle giuste dosi consigliate dal vostro dietologo, potranno essere assunti liberamente e senza alcuna preoccupazione, tutti i giorni. Nella parte centrale della piramide alimentare troviamo invece gli alimenti che è bene consumare settimanalmente: si tratta principalmente di uova, di alcune tipologie di pesce (come il salmone), o della carne bianca (pollo & co.). Devono essere invece consumati una o più volte al mese alcuni altri alimenti di diversa natura, come i dolci e le carni rosse.

Naturalmente, la piramide alimentare deve essere declinata e personalizzata sulla base delle specifiche esigenze del soggetto. Pertanto, il nostro consiglio è quello di calare sulla propria figura la piramide alimentare, evitando un approccio fai-da-te omogeneo, ma cercando di personalizzare menu e stile di vita. Ne trarrete incredibili benefici e, finalmente, potrete dimagrire mangiando!

Lascia un commento