Diabete insipido: sintomi, dieta, diagnosi e terapia

diabete insipido
Diabete insipido
: quali i sintomi, la dieta da seguire, la diagnosi e la terapia?

diabete insipido

Come già detto il diabete insipido è una malattia rara, caratterizzata fortemente da questa intensissima sete e dall’ escrezioni di abbondantissime quantità d’ urina. Pur condividendo il medesimo nome almeno nella sua prima parte, il diabete insipido non condivide null’ altro con il più diffuso diabete mellito e non ne ha niente in comune. Oltre a questa sintomatologia costante, a volte si possono notare perdite di peso sensibili, la pelle diviene più secca e, nei bambini, si può constatare, a volte, un ritardo nella crescita. Lo specialista endocrinologo distingue il diabete insipido in quattro distinte tipologie: il diabete insipido centrale, il diabete insipido nefrogeno, il diabete insipido gestazionale e diabete insipido dipsogenico. Alla diagnosi si arriva per il tramite di almeno due indagini, le analisi delle urine ed una risonanza magnetica. Conseguentemente anche la terapia differisce a seconda del tipo di diabete insipido, tra i quattro prima esposti, con cui si ha a che fare.

Diabete insipido: i sintomi.

diabete insipido

Coma abbiamo già scritto più sopra la sintomatologia sempre presente nei casi di diabete insipido è costituita principalmente da questi due caratteristici aspetti: una sete enorme, che richiede di dissetarsi con quantità di bibite fuori dal comune e, preferibilmente, molto fresche, ed una enorme produzione e quindi escrezione di urina. Giusto per dare un’ idea delle quantità di urina prodotte ed escrete, possiamo affermare con certezza che il paziente affetto da diabete insipido produce da un minimo di 2 litri e mezzo fino ad un massimo, nei casi più gravi, di anche 15 litri al giorno di urina. I pazienti di diabete insipido hanno sovente di notte la necessità di alzarsi ripetutamente per urinare e non è raro che possano anche bagnare il letto. Il diabete insipido nei bambini può affliggerli anche da molto piccoli ed in questi casi ci si accorge che i pannolini sono sempre molto umidi se non bagnati, i bambini piangono molto spesso, hanno la pelle secca e possono presentare anche vomito, diarrea e, nei casi più gravi, perdita di peso e ritardo nella crescita.

Diabete insipido: i quattro tipi.

diabete insipido

  • Il diabete insipido centrale è causato da patologie che si verificano a carico della ghiandola pituitaria o dell’ ipotalamo.
  • Il diabete insipido nefrogeno, invece, è causato da patologie che affliggono i tubuli renali, che sono quelle strutture renali che gestiscono l’ eliminazione ed il riassorbimento dei liquidi.
  • Il diabete insipido gestazionale invece è un disturbo tipico della gestazione, della gravidanza.
  • Il diabete dipsogenico, caratterizzato in questo caso più distintamente dalla enorme sete, è con tutta probabilità originato da un disturbo di quella parte dell’ ipotalamo che regola, appunto, la sete.

Il diabete insipido: la diagnosi.diabete insipido

 

La diagnosi di questo rara, ma “importante” malattia, il diabete insipido, può venire effettuata attraverso delle comunissime indagini che devono fornire allo specialista, normalmente un endocrinologo, un quadro preciso che, rapportato alla situazione sintomatologica del paziente, ci possa dire se ci troviamo di fronte ad un caso di diabete insipido e, in caso affermativo, anche se di tipo centrale, nefrogeno, gestazionale o dipsogenico. Quindi si procederà innanzitutto ad un esame delle urine con lo scopo ben preciso di verificarne lo stato di minor o maggior concentrazione rispetto ai valori standard. A questa analisi può seguire, secondo il parere dello specialista, anche un test di privazione dell’ acqua: il paziente viene invitato a non consumare liquidi per un determinato periodo di tempo per poi andare ad analizzare gli eventuali cambiamenti che possono verificarsi nell’ organismo in seguito a questa privazione relativi alla diuresi ed al peso corporeo.

 

Poi è consigliabile eseguire anche una risonanza magnetica che ci possa fornire indicazione precise sui tessuti cerebrali e controllare la presenza di eventuali anomalie a carico della ghiandola pituitaria.

Il diabete insipido: la terapia e la dieta.

La terapia del diabete insipido dipende molto dalla tipologia della malattia che lo specialista avrà individuato.

  • Nel diabete insipido centrale si esegue di solito una terapia con un ormone sintetico, la desmopressina. Questa può essere assimilata sotto forma di spray nasale, in compresse o per iniezione. Nei casi leggeri di diabete insipido può essere sufficiente anche soltanto ingerire più liquidi ogni giorno, per aumentare l’idratazione.
  • Nella diabete insipido nefrogenico è fondamentale iniziare una dieta povera di sale, in modo che venga ridotta la quantità di urina. In taluni casi lo specialista può prescrivere il farmaco idroclorotiazide.
  • La desmopressinaviene usata anche nel diabete insipido gestazionale.
  • Nel caso del diabete insipido dipsogenico non esiste una terapia specifica. Sta allo specialista verificare se il problema origina da una malattia mentalee quindi se occorre ricorrere ad una visita di tipo psichiatrico per poi provvedere, eventualmente con una terapia di tipo psichiatrico..

 

Lascia un commento