Check up sessuale dal medico di famiglia

sessualità

Il rapporto tra il medico di famiglia e i propri assistiti sta per diventare più profondo e, probabilmente, anche un pò più indiscreto. La Federazione dei Medici di Medicina Generale ha infatti avuto l’idea di far entrare i disturbi derivanti dalla sfera della sessualità nei check-up ambulatoriali, al fine di limitare il ricorso all’acquisto di farmaci online, curare la salute delle persone a 360 gradi e, nel contempo, contribuire a individuare precocemente possibili malattie di cui le disfunzioni sessuali possono essere dei sintomi.

Pertanto, presto i medici di famiglia si informeranno anche sulla salute sessuale dei propri pazienti e sul loro livello di soddisfacimento in seguito ai rapporti di coppia. Un argomento che riguarda 16 milioni di italiani e che per tantissimi uomini e donne della Penisola rappresenta ancora un tabù.

Il disturbo più diffuso, sostiene ancora la Fimmg, è l’eiaculazione precoce: un disturbo che colpisce 4 milioni di uomini, il 90% dei quali afferma di non essersi mai curato. La difficoltà a raggiungere il massimo piacere riguarda invece 4,5 milioni di donne, mentre un milione di donne soffre di vaginismo, una contrazione involontaria dei muscoli che circondano la vagina, al momento del rapporto.

Lascia un commento