Caviglie gonfie: come combattere questo disturbo tanto comune

Le caviglie gonfie fanno parte di quei problemi spesso sottovalutati anche se molto comuni. A secondo della causa, questo disturbo può essere o meno una vera e propria patologia che va curata e tenuta sotto controllo.

Cosa c’è alla base delle caviglie gonfie?

Molte sono le persone che soffrono di caviglie gonfie, ma poche si preoccupano di approfondire la questione e capirne le cause.  Alla base delle caviglie gonfie c’è una cattiva circolazione sanguigna e linfatica che non funzionando come si deve, tende a far accumulare i liquidi in parti del corpo precise, come le caviglie, provocando ritenzione idrica.  Quando il sangue non circola bene, a causa della forza di gravità tende verso il basso concentrandosi nei piedi.  La zona affetta da questo problema risulta molto gonfia, arrossata e dà fastidio quando si tocca. Inoltre è difficile muoversi e camminare, il che porta il soggetto ad una maggiore staticità che peggiora la situazione.

Le cause delle caviglie gonfie

Come abbiamo detto prima, alla base di questo fastidio c’è una cattiva circolazione sanguigna e linfatica. In Italia secondo alcuni studi, le persone che soffrono di caviglie gonfie, sono quei soggetti che per lavoro o per altri motivi tendono a passare fino ad otto ore seduti o in piedi. Questo malfunzionamento dovuto ad una “causa sociale”, induce a far accumulare il sangue nella parte bassa del corpo, in particolare nelle caviglie.

caviglie gonfie sintomi

Secondo degli studi di casistica, sono le donne a soffrire maggiormente di questo problema a causa del ciclo mestruale. Infatti, il rilascio di estrogeni e progesterone in grandi quantità, fa si che si dilatino vene e capillari, e che i liquidi del corpo scendano verso il basso stimolati della forza di gravità. Lo stesso effetto si ha quando la temperatura corporea è troppo alta.

Oltre alle cause sopra citate, le caviglie gonfie sono provocate anche da un’alimentazione errata e dal peso corporeo in eccesso. Una persona in sovrappeso infatti graverà con i chili di troppo sulle caviglie, un’articolazione sollecitata tantissimo già di suo. Inoltre il sovrappeso causa problemi all’apparato cardiaco e linfatico. Non dimentichiamo poi il ruolo che gioca il cloruro di sodio, una dieta ricca di sale causa accumulo di liquidi nelle gambe e nelle caviglie.

Oltre alla ritenzione idrica, ci sono anche altre cause alla base di questo problema quali:

  • Gravidanza
  • Età avanzata
  • Vita sedentaria
  • Assunzione di farmaci
  • Assunzione di ormoni

Sintomi: come variano al variare della causa

Quando i sintomi si presentano solo ad una caviglia, le cause sono da ricercare tra traumi fisici di lieve o di grave entità quali distorsioni, fratture e tendiniti. Il gonfiore ad una sola caviglia può dipendere anche da lesioni o condizioni come infiammazione dei tessuti o malattie vascolari.  Quando invece i sintomi si manifestano su entrambe le caviglie, il gonfiore dipende da una patologia sistematica, associata nella maggior parte dei casi ad una cattiva circolazione venosa o a malattie reumatiche.

caviglie gonfie cause

Quando tra i sintomi oltre al gonfiore si presenta anche l’edema, vuol dire che c’è in atto una patologia pericolosa come la trombosi venosa profonda tipica complicanza delle vene varicose. In tal caso l’edema interessa solo una caviglia ed è accompagnato da dolore, bruciore e cute rossa o violacea.

Caviglie gonfie rimedi naturali

Il primo rimedio per contrastare le caviglie gonfie è l’attività fisica. Anche se purtroppo per questioni lavorative le persone non possono fare a meno di stare molte ore seduti alla scrivania, è importante equilibrare questa mancanza di movimento con un po’ di attività fisica, basta qualche ora la settimana, così da stimolare la circolazione.

Oltre allo sport esistono diversi rimedi naturali. Le tisane sono un rimedio fai sa te molto efficace. Quelle migliori sono a base di erbe, in particolare di finocchio che stimola la circolazione sanguigna e quella linfatica, la menta e le foglie di mirtillo che eliminano il ristagno linfatico favorendo la circolazione dei liquidi, e il timo che agisce anch’esso a livello circolatorio.

Una pratica che dà sollievo dalla sensazione di pesatezza e gonfiore alle caviglie è il pediluvio. Per accentuare l’efficacia si può aggiungere all’acqua estratto di timo, menta, foglie di mirtillo o finocchio oppure i famosi sali Inglesi

Anche gli impacchi locali possono dare sollievo. I migliori sono quelli fatti con le foglie di the verde e con le foglie di nocciolo. Entrambi non hanno effetti collaterali e possono essere applicati più volte al giorno. Basta semplicemente immergere le garze in una soluzione si acqua ed estratto di foglie e posizionarle sulle caviglie.

Caviglie gonfie e alimentazione

Come dicevamo prima chi soffre di caviglie gonfie deve limitare l’uso del sale, poichè causa ritenzione idrica. Per sale non intendiamo solo quello che aggiungiamo volontariamente agli alimenti, ma anche quello contenuto intrinsecamente nell’alimento stesso. Fanno parte di questa categoria la carne in scatola ed in generale tutti i prodotti preconfezionati.

caviglie gonfie e ritensione idrica

Via libera invece a frutta e verdura in particolare a ribes, mirtilli e fragole. Anche gli agrumi sono ottimi in quanto ricchi di vitamina C e flavonoidi. Rientrano in questa categoria arance, limoni, mandarini, pompelmi e kiwi.

Prodotti per le caviglie gonfie consigliati

caviglie gonfie tisane finocchiettoLa tisana L’Angelica al finocchietto è un’ottima soluzione naturale per combattere il ristagno dei liquidi nelle caviglie. Inoltre aiuta la digestione e ha un ottimo sapore anche senza l’aggiunta di zucchero da tavola.Infuso Bacche Selvatiche e Mirtillo caviglie gonfie

L’infuso di bacche selvatiche e mirtillo della Clipper ha un ottimo sapore dolce e fruttato. Basta semplicemente assumere questa tisana una o due volte al giorno per combattere i sintomi delle caviglie gonfie.

Per amplificare il potere del pediluvio si può aggiungere all’acqua i Sali Inglesi mescolati con l’olio dell’albero del the. È un potente antimicotico, antibatterico, rinfrescante e tonificante naturale.

Lascia un commento