Caffè Verde Erboristeria

Tra le bevande dimagranti e benefiche, il caffè verde rientra a pieno titolo nella categoria, conquistando il mercato con il suo colore verde smeraldo.

Differenza tra caffè verde e torrefatto

Il caffè verde è una miscela di diverse varietà di caffè, principalmente le due più coltivate, l’arabica e la robusta. Il colore verde deriva dalla mancanza di torrefazione, quindi i chicchi restano del colore naturale di quando vengono colti. Infatti è proprio la torrefazione a donare il classico colore marrone scuro al caffè. Oltre al colore ci sono anche ulteriori differenze che influiscono positivamente sull’alimentazione, poiché il processo di torrefazione modifica le caratteristiche del seme “crudo”.

Ciò che fa la differenza, è la quantità e qualità di caffeina, oltre che la forma. Nel caffè verde la caffeina è legata ad una molecola, l’acido clorogenico, con cui forma il clorogenato. Poiché si presenta sotto questa forma, l’assorbimento nel corpo è molto più lento, e il tempo di permanenza della caffeina nel sangue è maggiore. Con il caffè “normale”, la caffeina una volta introdotta nell’organismo subisce un picco quantitativo, per poi venir smaltita velocemente.

caffè verde dimagrante

L’altra differenza sostanziale sta nel contenuto di polifenoli. La quantità nei semi di caffè crudi è maggiore rispetto al caffè torrefatto. Questo perché durante la tostatura il calore degrada l’acido tannico, l’acido ferulico, le vitamine del gruppo B e i Sali minerali, presenti tutti in quantità maggiore nel caffè verde.

In fine, un’ulteriore differenza è il valore del pH. Il caffè tostato ha un pH di 3/3,5 mentre il caffè verde 5, più vicino alla neutralità, quindi lede di meno alla mucosa dello stomaco. Questa varietà permette anche a chi soffre di reflusso gastrico  di berlo senza avere effetti collaterali.

Benefici del caffè verde erboristeria

Il caffè verde vanta innumerevoli benefici, ma in particolare quattro sono quelli che lo rendono una bevanda vantaggiosa:

  • Metabolismo dei grassi. È vero, il caffè verde ha proprietà dimagranti. Questo perché contiene delle molecole chiamate metil-xantine che hanno un’azione lipolitica. In pratica liberano gli apocidi, le cellule che contengono i lipidi, dagli acidi grassi. In pratica spostano il gasso dalla loro posizione e lo libero. Questo però per essere smaltito ha bisogno di un’attività fisica aerobica. Nel caso non avvenisse, il grasso tornerebbe nuovamente negli adipociti. Ovviamente all’uso di caffè verde va associato una dieta sana ed equilibrata, oltre all’attività fisica quotidiana, così che il grasso venga smaltito e non si attui il processi al contrario che ri-deposita i lipidi.
  • Controllo glicemico. Lo zucchero nel sangue viene controllato tramite l’acido clorogenico e la mucosa gastrica. L’acido clorogenico presente nel caffè verde inibisce un enzima che regola la degradazione degli zuccheri, riducendo il processo che degrada il glicogeno in glucosio. Nel secondo caso, si inibisce l’assorbimento direttamente tramite la mucosa intestinale.

caffè verde proprietà

  • Azione antiossidante. La forte presenta di molecole antiossidanti, come l’acido tannico, contrastano i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento delle cellule.
  • Azione antinfiammatoria. L’acido clorogenico viene trasformato in acido caffeico nell’intestino, un potente antinfiammatorio, che aiuta a contrastare molte patologie e alcuni tumori.

Preparazione e dosi

La preparazione dei chicchi di caffè verde non è facile. Prima dell’utilizzo i chicchi vanno pestati in sottili granelli, poi aggiunti ad acqua calda ad una temperatura di 80°C, quindi filtrata dopo pochi minuti d’infusione e bevuta. Il caffè verde si acquista presso i negozi di cibi esotici o nei mercatini specializzati nel biologico. Per evitare la preparazione complessa, è possibile acquistare in erboristeria le classiche bustine formato the, in formula solubile, così da essere semplicemente immerse in acqua calda per alcuni minuti, evitando così pestaggio e filtrazione.  Sono disponibili anche degli integratori  a base di caffè verde in compresse o capsule, che vanno assunte con un po’ d’acqua.

caffè verde erboristeria

Le dosi variano a seconda del prodotto usato e delle marche. Inoltre alcuni prodotti erboristici associano al caffè verde altri principi attivi per garantire una maggior efficacia. In generale si consiglia l’uso di 200 mg mezz’ora prima dei tre pasti principali.

Integratori a base di caffè verde

caffè verde dimagranteGli integratori sono un’ottima soluzione per chi non ha tempo o voglia di effettuare la preparazione del caffè verde. Acquistando l’estratto, si può beneficiare lo stesso delle proprietà sopra elencante con il minimo sforzo. È importante però usare solo prodotti di alta qualità, di cui si conosca la provenienza e sia fornita la lista degli ingredienti. Di solito l’assunzione è di una compressa al giorno.

Possibili effetti collaterali

Il caffè verde è ben tollerato da tutti e non presenta controindicazioni, salvo ipersensibilità per i componenti. Come per tutti gli integratori alimentari, è bene chiedere un parare al medico in caso di gravidanza o allattamento.

Il problema maggiore riguardo questa bevanda non è il caffè in se per se, ma la formulazione che alcune aziende utilizzano per la produzione. Infatti, a volte capita che nella lista degli ingredienti figurino eccipienti poco tollerati. Ovviamente va evitato l’acquisto di prodotti non certificati.

Prodotti affidabili sul mercato

caffè verde proprietàScegliere prodotti di qualità è importantissimo. Per questo vi consigliamo due prodotti:

Lascia un commento