Animali domestici rafforzano il nostro sistema umanitario

animali bimbi

Gli animali domestici rafforzano il nostro sistema umanitario. In altre parole, non solo la presenza di cani e gatti all’interno delle mura domestiche non sarebbe dannoso per i propri figli ma, anzi, ad alcune condizioni, sarebbe addirittura una leva utile per rafforzare il sistema immunitario dei più piccoli.

Secondo un recente studio condotto dal Kuopio University Hospital, in Finlandia, i bambini che vivono a stretto contatto con gli animali domestici si ammalano di meno, il loro sistema immunitario è più forte e, di conseguenza, hanno necessità di un minor volume di antibiotici e farmaci.

Secondo Eija Bergroth, autore dello studio, i risultati dell’analisi dimostrerebbero e supporterebbero la teoria secondo la quale durante il primo anno di vita i contatti tra i bambini e gli animali sarebbero importanti, poichè indurrebbero nei più piccoli una migliore resistenza alle malattie infettive respiratorie. Insomma, prosegue l’autore dello studio, è plausibile ipotizzare che se il cane è spesso fuori casa, si sporchi di più e, rientrando nell’ambiente domestico, introduca nello stesso più microbi i quali, di conseguenza, finiscono con lo stimolare il sistema immunitario del bambino.

Il report ha preso in esame un campione di circa 400 bambini nati in Finlandia tra il 2002 e il 2005, monitorando i contatti presi con gli animali domestici, la frequenza dei sintomi respiratori e delle infezioni, ed è risultato che solamente il 35 per cento dei bimbi era entrato in contatto con un cane, e il 24 per cento con un gatto. Si è inoltre riscontrato il 44 per cento di infezioni, come le otiti, e un minor ricorso agli antibiotici.

Insomma, se avete un bimbo e temete di farlo entrare in contatto con il vostro cane o il vostro gatto, tranquillizzatevi: non solo non avete niente di cui aver paura, ma potrebbe addirittura essere benefico per il sistema immunitario del bebè.

Lascia un commento