Acqua santa? Secondo gli austriaci è piena di batteri

acqua santa

L’acqua contenuta nelle acquasantiere farebbe forse bene (allo spirito) ma è potenzialmente rischiosa per il nostro organismo. Stando a una recente ricerca compiuta dall’Istituto di Igiene e Immunologia Applicata all’Università di Vienna, infatti, l’acqua contenuta nelle acquasantiere delle chiese austriache sarebbe contaminata da elevate quantità di batteri.

I ricercatori dell’istituto hanno infatti analizzato la qualità dell’acqua in un totale di 21 acquasantiere a Vienna, nella Bassa Austria e nel Burgenland, rilevando che solamente il 14 per cento dei campioni dimostrerebbe nessuna contaminazione. Ad essere più frequenti non sarebbero invece solamente le contaminazioni da Escherichia Coli e da enterococchi, quanto anche quella allo Campylobacter, “reo” di provocare diarrea infiammatoria, anche grave.

Sempre secondo l’analisi compiuta dai ricercatori, molte delle sorgenti rilevate erano contaminate anche da nitrati di origine agricola. “Abbiamo bisogno di avvisare sulle caratteristiche di queste acquasantiere” – ha dichiarato lo studio, per poi precisare come in un solo millilitro d’acqua siano stati rilevati fino a 62 milioni di batteri coltivabili.

In altri termini, quello delle acquasantiere può essere un problema anche molto grave, pur sottovalutato, soprattutto negli ospedali e in tutti quei luoghi in cui vi sono delle persone con sistemi immunitari indeboliti.

Ma quali soluzioni più idonee per correggere tale problema? Le innovazioni non mancano di certo: basti ricordare, ad esempio, l’idea di un sacerdote italiano che ha inventato un distributore di acqua santa che eroga delle gocce non “toccate” da altre persone.

Ricordiamo altresì che precedenti studi compiuti in materia hanno dimostrato che un contenuto di sale superiore durante la veglia pasquale può fermare la proliferazione di batteri. E, conclude lo studio, anche se il sale non può essere una soluzione definitiva, potrebbe essere accompagnato da altre soluzioni quali, ad esempio, la sostituzione regolare dell’acqua santa.

Lascia un commento