Abbott FreeStyle Libre, finalmente anche in Italia l’innovativo sistema di controllo del glucosio

È arrivato finalmente anche in Italia l’Abbott FreeStyle Libre, un pratico e innovativo sistema di monitoraggio del glucosio che sta rivoluzionando le pratiche di controllo del diabete grazie alla sua straordinaria capacità e praticità. Una vera e propria boccata d’ossigeno in un settore che riguarda milioni di persone in tutto il mondo, e che entro il 2035 vedrà i soggetti potenzialmente interessati crescere fino al 20% rispetto ai livelli attuali.

FreeStyle Libre è infatti il primo sistema di monitoraggio Flash del glucosio che non necessita delle tradizionali e fastidiose “punture” del dito: facile e intuitivo, permette dunque una migliore gestione quotidiana del diabete, superando i problemi che derivano dalla già ricordata (e oggi superata) procedura di puntura, e di controllo della glicemia attraverso questa scomoda abitudine. Ma come funziona Abbott FreeStyle Libre? E quale è la sua efficacia?

Come funziona Abbott FreeStyle Libre

Il funzionamento è estremamente semplice: il dispositivo è infatti composto da un semplice sensore che si applica nella parte posteriore del braccio. Piccolo come una moneta da 2 euro, è in grado di misurare automaticamente il livello di glucosio nei fluidi interstiziali attraverso degli innovativi sensori sottocute, memorizzandone continuamente i valori (anche di notte!) e permettendo quindi al suo possessore di poter tenere sempre sotto controllo i livelli di glicemia mediante un comodo lettore da passare sul sensore, anche attraverso i vestiti.

Abbott FreeStyle Libre: la nostra opinione

Abbott FreeStyle Libre è effettivamente uno dei più innovativi sistemi di monitoraggio della glicemia che abbiamo avuto modo di osservare nel corso degli ultimi mesi. La precisione del monitoraggio, la possibilità di poterlo utilizzare per 14 giorni consecutivamente senza alcun ricambio, il poterlo utilizzare anche durante l’attività fisica o sotto la doccia, sono solamente alcuni dei tanti benefici conseguibili attraverso questo innovativo sistema di monitoraggio.

Il vantaggio fondamentale è tuttavia legato alla possibilità di evitare la puntura del dito, una sgradita pratica che – affermano le ultime statistiche ufficiali – trattiene circa un diabetico su due dal monitorare regolarmente la glicemia, con ciò che ne consegue dal punto di vista del rischio di formazione delle crisi ipoglicemiche.

Tra gli ulteriori benefici, il fatto che i valori rilevati dal sensore possono essere elaborati da un software avanzato che riassume statisticamente i dati standardizzati, visualizzandoli graficamente con un’interfaccia chiara e intuitiva. I dati sono eventualmente condivisibili con il proprio medico di fiducia, il quale potrà utilizzarli per poter assumere le migliori decisioni di gestione della malattia, e di assunzione di eventuali nuove terapie.

Maggiori informazioni sul sito http://www.freestylelibre.it/

Articolo Sponsorizzato

Lascia un commento